I ROSACROCE
ED IL LORO INSEGNAMENTO

Sommario depliant Home page

COMPRENDERE GLI ANIMALI

Come sappiamo, gli animali agiscono sotto la direzione dei loro Spiriti-gruppo e non sono individualizzati come gli esseri umani. Risulta quindi evidente, per una buona parte di noi, che gli animali domestici sono dotati di "pensiero" e di "azione intelligente" a un grado maggiore che l'attuale punto della loro evoluzione può farci supporre.

Questa apparente capacità di "pensiero", questo passo verso l'individualizzazione degli animali domestici, è dovuto al fatto che essi hanno avuto un contatto stretto con gli umani e che per numerose incarnazioni ne hanno subito l'influenza e la guida che li hanno portati verso il loro attuale stadio di sviluppo. Questi animali sono all'avanguardia della loro onda di vita e saranno scelti quali insegnanti e guide per gli animali meno sviluppati durante il prossimo Giorno di Manifestazione, allorquando avranno raggiunto veramente l'individualizzazione (Periodo di Giove).

Gli studiosi della Filosofia Rosacrociana sanno che, durante il Periodo di Giove, la razza umana avrà il compito di aiutare e salvare il regno animale, agevolando, in quanto possibile, lo ·sfruttamento della sua esperienza. Noi lavoreremo allora per gli animali nello stesso modo in cui gli Angeli agiscono ora con noi. Sappiamo che, almeno in parte, il nostro servizio costituirà il pagamento del terribile destino che contraiamo ora per le torture e i massacri che infliggiamo agli animali.

Tuttavia, forse non ci rendiamo conto che coloro che posseggono degli animali domestici sono, sìn d'ora, in grado di aiutarli nella loro evoluzione e, cosa ancor più importante, li stanno formando ed influenzando per diventare i futuri capi della loro onda di vita. Perciò è esatto dire che i gatti, i cani e i cavalli sono i membri più progrediti e che, come tali, saranno le guide di tutto il regno animale, quando gli animali, ormai individualizzati, avranno raggiunto lo stadio di sviluppo umano. Rendersi conto della responsabilità incombente su di noi, in quanto maestri di simili futuri capi, è indubbiamente un pensiero meraviglioso, ma nel medesimo tempo profondamente grave. In effetti, quanti fra di noi hanno mai cercato di lavorare, di giocare, di far crescere o semplicemente di coccolare il suo cane o gatto, perfettamente consci del suo futuro potenziale di prossimo pioniere e capo?

Tutto quello che oggi facciamo per i nostri animali preferiti, il modo come li trattiamo, entra certamente nella loro coscienza ed avrà effetto sulle loro future personalità. Educarli ora in un'atmosfera di bontà e di affezione contribuirà a produrre delle caratteristiche simili quando saranno divenuti individui a pieno diritto. Analogamente, un atteggiamento rude e indifferente avrà degli effetti negativi.

È pur vero che la coscienza dell'animale e la sua personalità si formeranno nel contesto di numerose incarnazioni precedenti ed è poco probabile che una sola incarnazione, in quanto animale, sarebbe insufficiente per acquisire le future qualità necessarie alla prossima sua tappa evolutiva. Tuttavia, se gli è conferito lo straordinario potere d'amore, di bontà e di pensiero positivo, appare evidente che tutto quanto possiamo fare per un animale domestico (o qualsiasi altro animale considerato come tale), basato su queste forze positive, a suo tempo lo aiuterà ad acquisire ricettività e senso di responsabilità ed accrescerà inoltre la sua efficienza nel suo ruolo di pioniere della sua onda di vita.

Alcuni studiosi di occultismo affermano che gli animali, dopo la loro morte, possono ritornare e ritornano, in incarnazioni successive, presso i loro vecchi padroni. Certamente, gli animali deceduti raggiungono il loro Spirito-gruppo ed i periodi fra le loro incarnazioni fisiche sono (in un certo senso) più brevi di quelle degli esseri umani. Numerosi padroni di animali domestici sono persuasi d'aver riconosciuto in un cucciolo preso da poco il gatto o il cane amato che in passato hanno perso. Sebbene non sia stato accertato (per soddisfazione materiale) che gli animali ritornano in questo modo, è ragionevole e logico supporre però che la cosa è possibile.

Appare probabile che lo Spirito-gruppo è sempre vigile ad incrementare un animale presso un vecchio padrone che l'ha amato e gli ha agevolato lo sviluppo, affinché possa avvantaggiarsi ancora di quell'ambiente e di quel trattamento benefico. Parrebbe che anche in questo caso agirebbe la Legge di Attrazione. Pertanto coloro che possiedono degli animali domestici potrebbero avere talvolta il privilegio (e la responsabilità) di amare, di educare e di lavorare col medesimo animale più di una sola volta.

In ogni caso, sia che si abbiano raramente o sovente dei rapporti con un animale particolare, possiamo essere certi che lasciamo in essi la nostra impronta definitiva. Che sia in bene o in male, dipende completamente da noi.

Se riflettiamo un attimo sui magnifici sforzi che gli Angeli (e tutte le Gerarchie Creatrici) hanno fatto per noi, il meno che noi si possa fare, ora che siamo dotati della mente e che siamo consapevoli di ciò che costituisce l'evoluzione e il progresso, è di contribuire in qualche modo allo sviluppo di altre onde di vita che ci seguono. Naturalmente, i nostri sforzi saranno minori a paragone di quelli che vengono fatti da Intelligenze Creatrici più progredite.

Il Bene crea il Bene. Se agiamo verso i nostri animali con la perfetta conoscenza che quanto facciamo influirà direttamente sulla loro evoluzione, così che, a suo tempo, influirà a sua volta su altri membri della loro onda di vita, possiamo apportare un netto benefico contribuito alla loro evoluzione.

Sarebbe bene riflettere anche un po' sui danni causati alla nostra onda di vita dall'influenza degli Spiriti Luciferici quando eravamo mentalmente più deboli e probabilmente impotenti a reagire con efficacia, anche se fossimo stati in grado di resistervi. Evidentemente gli animali odierni sono ancor più impotenti quando devono subire le sevizie che l'uomo infligge loro. Si è detto e ripetuto che a causa di questo modo di agire noi abbiamo contratto un terribile debito, ma, a parte ciò, non è mostruoso pensare che simile torto viene causato a un'intera onda di vita, solo per soddisfare il nostro egoismo?

Certamente la maggior parte degli umani non valuta la questione in tutta,la sua portata ed è inconsapevole delle serie complicazioni che derivano dal maltrattamento inflitto agli animali. Perciò incombe particolarmente agli studiosi degli Insegnamenti della Saggezza Occidentale di fare tutto quanto è possibile per attenuare questa situazione nell'ambiente dove evolvono. Noi perlomeno possiamo, con nozione di causa, agire con bontà verso gli animali in vista del loro ulteriore sviluppo

Si rende tuttavia necessario un consiglio: non si deve confondere l'amorevolezza nel trattamento dei nostri animali col coccolamento. Il gatto che passa le sue giornate mollemente disteso sui cuscini, che non gli è mai concesso di uscire di casa, e il cagnolino che nelle braccia della sua padrona viene portato dalla casa sull'auto e le cui uscite giornaliere si limitano a una breve passaggiata col guinzaglio, non impareranno le lezioni d'indipendenza, di coraggio, d'iniziativa, che altri animali possono invece acquisire, sebbene la sorte di quest'ultimi possa apparire più penosa. Come avviene nell'educazione dei bambini, un amore soffocante, troppo protettito, che alcuni padroni dedicano ai loro animali preferiti, è semplicemente una manifestazione di possessività egoistica e non è di vantaggio per il loro futuro sviluppo.

Si amino certamente i nostri animali, ma si ricordi che devono imparare delle lezioni, sviluppare delle conoscenze e che questo avverrà solo se li lasciamo liberi di prendere parte a delle attività che consentiranno loro queste acquisizioni. Questo non avverrà se si impone loro una vita del tutto indolente, soffocata dall'affetto e dalla personalità dell'uomo.

Da RAYS - gennaio 1986 - traduzione


Sommario depliant Home page

"www.viveremeglio.org"
Un sito dedicato all'uomo, il suo benessere e il suo destino.