AL DI LA' DELLA TAVOLA
Sommario
"Al di là della tavola"
Pagina scorciatoie Sommario del sito Home page

PROTEINE ANIMALI O VEGETALI?
(seconda parte)

blink.gif Sommario blink.gif

ondulato.gif

LE PROTEINE ANIMALI up.jpg

Molte persone sono convinte che sia impossibile ottenere il fabbisogno necessario di proteine senza mangiare proteine animali. Quest'idea è infondata e l'osservazione pratica lo dimostra in quanto molti vegetariani vivono benissimo senza mangiare alcun tipo di carne o di pesce. Oggi almeno i tre quarti della popolazione mondiale mangia troppe proteine e soffre a causa di questo errore alimentare che, creando molte tossine, acidifica il sangue aprendo la strada a molte malattie.

LA CARNE
Se è vero che la carne contiene grandi quantità di proteine complete, molti altri fattori non sono in suo favore. Anzitutto, quando la carne viene cotta vanno perdute molte importanti vitamine, come la B6 che si trova nella carne cruda ma non in quella cotta, senza le quali può produrre tossine. Inoltre la carne impiega molto tempo per essere assimilata dall'organismo prima e per essere espulsa poi.

Per esempio una bistecca di carne di manzo impiega due giorni per essere digerita completamente, e durante questo periodo va inevitabilmente in putrefazione distruggendo altre sostanze nutritive e sovvertendo l'equilibrio dei batteri intestinali. Poiché la carne che mangiamo non è così fresca, anzi per renderla più morbida la si lascia frollare a volte per oltre un mese, esiste un rischio ancor maggiore di putrefazione. Inoltre i buoi, i maiali, i polli e i tacchini sono oggi generalmente trattati con antibiotici e altri farmaci che vengono immagazzinati nei tessuti e nel fegato rendendo le loro carni decisamente poco salutari.

IL PESCE
In linea di massima il pesce contiene, rispetto alla carne, una quantità leggermente inferiore di proteine. A volte chi ha problemi di fegato o di stomaco fa fatica a digerire il pesce e pensa che il motivo sia dovuto al grasso contenuto in questo alimento. In realtà sono pochi i pesci con carne grassa (l'anguilla ne ha fino al 28%), mentre gli altri pesci che hanno carne magra possono essere difficili da digerire a causa delle "purine", sostanze provenienti dalla sdoppiamento di certe molecole azotate.

A causa dell'inquinamento da mercurio che affligge gran parte dei nostri mari è preferibile mangiare pesci di piccola taglia (3-4 Kg al massimo) mentre quelli pelagici e di grossa taglia, vivendo più a lungo dei pesci precedenti, vanno consumati più raramente perché il mercurio si accumula nel loro organismo.

IL LATTE
Per l'adulto, il latte non costituisce un alimento razionale e il regime a base di questo alimento, da molti consigliato, è ben lontano dall'essere un cibo eccezionale e deve essere riservato soltanto a certi casi sporadici. D'altronde, molte sono le persone che non sopportano il latte, oppure lo tollerano male, soprattutto se ingerito allo stato puro. Esso può provocare indigestioni, diarrea o, al contrario, stitichezza. Sono anche numerosi coloro che, nel corso della mattinata, soffrono di acidità , pesantezza, bruciori provocati dal latte della prima colazione.

Il latte, tra le altre cose, può causare un'eccessiva produzione di muco, una specie di colla che si attacca alle pareti intestinali di cui parleremo prossimamente. Al latte è preferibile lo yogurt (l'unica proteina a base alcalina). Si può usare per la prima colazione abbinato con fette biscottate integrali, germe di grano e semi di sesamo macinati.

I FORMAGGI
Il formaggio in genere è un cibo altamente acidificante. Chi soffre di reumatismi, artrosi e osteoporosi farebbe bene ad eliminarli o usare raramente quelli di pecora o capra. Anche in questo caso torneremo sull'argomento prossimamente.

LE UOVA
Le uova forniscono proteine complete, circa 6 gr. cadauno. Nel passato vi sono stati dei ricercatori che hanno detto che le uova possono far male perché contengono colesterolo. Essi non hanno però considerato che contengono anche lecitina, un emulsionante naturale capace di eliminare l'effetto del colesterolo.

Bisogna però evitare di friggerle con olio o burro perché in questo caso la lecitina viene distrutta. L'ideale è consumarle alla coque.

LE PROTEINE VEGETALI up.jpg

Le proteine derivate da legumi ed uova sono a tutti gli effetti alternative a quelle animali, e anzi dovrebbero comparire maggiormente nella nostra dieta.

I LEGUMI
I fagioli di soia sono la forma più completa di proteine vegetali: un terzo di una tazza di fagioli secchi cucinati ci fornisce almeno dieci grammi di proteine complete. Combinandoli con i cereali, noci o semi il contenuto proteico viene ulteriormente aumentato. Anche fagioli, piselli, lenticchie e ceci sono un'ottima fonte proteica. D'altronde il loro uso era prioritario fino ad una cinquantina di anni fa, e il loro declino è dipeso soltanto da fattori culturali piuttosto che salutari.

CONCLUSIONE up.jpg

Come abbiamo visto la carne in genere fornisce un buon apporto di proteine nobili. Pertanto una persona adulta può fare due o tre pasti alla settimana con prodotti derivati da animali senza incorrere in accumulo di tossine. L'ideale sarebbe, alle nostre latitudini, consumare la carne o il pesce ogni 3 giorni e preferibilmente a cena, intervallandoli una volta alle uova e un'altra volta ai legumi. Le proteine, sia vegetali che animali, dovrebbero essere sempre completate da verdure fresche in insalata oppure scondite.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI up.jpg

  • 1. Patrick Holford, Vivere ben con il proprio corpo, p. 78. Sperling &
    Kupfer Editori (Milano), 1985.
  • 2. Patrick Holford, Vivere ben con il proprio corpo, p. 79.
    Sperling & Kupfer Editori (Milano), 1985.
  • 3. Pierre Oudinot, Tutto quello che volevate sapere sul cibo e non vi è stato detto, p. 34.
    Edizioni SIAD, Milano, 1982.
  • 4. Patrick Holford, Vivere bene con il proprio corpo, p. 81.
    Sperling & Kupfer Editori (Milano), 1985.








Sommario
"Al di là della tavola"
Pagina scorciatoie Sommario del sito Home page
"www.viveremeglio.org"
Un sito dedicato all'uomo, il suo benessere e il suo destino.