Religione Cristiana
Sommario "Religione Cristiana"
Home page

CONOSCERE E LEGGERE LA BIBBIA

Per gentile concessione del sito http://xoomer.alice.it/paceluce/

SOMMARIO:


graffa.gifgraffa.gif


Che cosa è la Bibbia? ../up.jpg

La Bibbia è la storia di un peccato seguita dalla promessa del perdono. La storia della misericordia, è la promessa del regno ai piccoli, ai fedeli, ai coraggiosi.

La Bibbia fu per secoli il manuale di educazione morale e religiosa dell'umanità. Oggi invece, pochi la conoscono e molti la ignorano. Non e molto che il Cardinal Mercier se ne rattristava amaramente. (Il Nuovo Testamento dovrebbe essere il libro di ogni cristiano che sa leggere; quanto invece sono addolorato perchè vi sono nel mio gregge molti cristiani che non hanno mai letto, che anzi non hanno in biblioteca, forse piena di libri senza valore, il tesoro divino del Nuovo Testamento).

L'Antico Testamento e ancora più ignorato. Tuttavia da parecchi anni, in seguito al rinnovamento liturgico, i fedeli si interessano sempre di più al florilegio biblico del loro messalino. Ma per mancanza di iniziazione, qualche volta si scoraggiano, per-ché quei frammenti tolti dal loro contesto, assomigliano assai spesso a degli enigmi inde-cifrabili.

Certo, è impossibile, in poche pagine, introdurti d'un colpo nella familiarità della Bibbia, e più ancora stendertene dinanzi tutte le ricchezze. La familiarità si acquista solo con la frequenza assidua e le ricchezze del Libro, profondo come un abisso, non si possono raggiungere. Il nostro scopo e di facilitare il contatto con la Bibbia, di aprirti un accesso a questa sconosciuta.

Come conoscere la Bibbia? ../up.jpg

Il mezzo? Molto semplice! Come fai, nella vita quotidiana, per strappare a qualcuno il suo segreto? Cominci ad osservarlo, noti i lineamenti del suo volto, la figura, il modo di comportarsi, le sue attitudini, il suo linguaggio; ti informi dei suoi ascendenti, della sua eredita, del suo paese d'origine.

Già questa prima inchiesta ti da una certa conoscenza superficiale ed esterna. Ma occorre guardare oltre la maschera e le apparenze, scoprire i gusti personali, le tendenze profonde, le predilezioni, le preoccupazioni abituali, in breve bisogna arrivare all'anima. Ciò suppone relazioni prolungate, confidenze intime e molta simpatia. Non e forse dopo lungo tempo, a prezzo di pazienza instancabile che si finisce per intravedere il carattere, la personalità degli altri?

Ebbene useremo per la Bibbia un modo di procedere analogo: inchiesta appassio-nata, talvolta arida, sempre fruttuosa. Imparando a conoscere la Sconosciuta, impareremo ad amarla.

La Bibbia e il suo nome ../up.jpg

La Sconosciuta porta un Nome singolare, unico, evocatore di una nobiltà originale: si presenta a noi come Il Libro; tale è infatti il senso etimologico della parola Bibbia. Questo nome la indica come il libro per eccellenza, il libro, che ha il primato sugli altri, vince tutti i concorrenti. Essa è bene determinata così perché veramente il titolo le conviene e conviene a essa sola.

Quanto diremo in seguito ce lo dimostrerà con evidenza. E tuttavia questo modo di chiamarla ci sorprende. La Bibbia comprende settantatre libri! In realtà, questo uso di parlare della Bibbia al singolare è recente. La parola Bibbia è di fatto la trascrizione in lingua italiana di un plurale. Gli antichi dicevano: La Biblia, i Santi Libri. Infatti, malgrado la sua profonda unità, la Bibbia è l'insieme di una molteplicità di libri diversi; assomiglia di più a una collezione che a un libro, e un'opera in settantatre volumi, una biblioteca raccolta in un libro solo.

Le lingue della Bibbia ../up.jpg

La Sconosciuta parla parecchie lingue. Di solito si esprime in ebraico, lingua cugina dell'arabo. Quarantadue libri sono scritti in lingua ebraica. Qualche volta la Bibbia usa l'aramaico dialetto che, molto presto, rivaleggiò con l'ebraico e alla fine lo soppiantò.

In tutte le regioni dell'Asia Anteriore, patria della Bibbia, L'aramaico trionfò delle lingue indigene e divenne la lingua dei diplomatici e dei commnercianti. In tale idioma furono scritti tre libri interi, fra i quali il Vangelo secondo S. Matteo, e parecchi altri frammenti. Per gli altri libri la Bibbia usa il greco, questa lingua sonora, di virtù sovrumane, nata la più bella su labbra umane .

I Vangeli, eccettuato il testo primitivo di S. Matteo, le Lettere degli Apostoli, il libro degli Atti e l'Apocalisse sono scritti in greco, non nella lingua classica di Senofonte e di Demostene, ma nel greco volgare del linguaggio corrente.

I paesi della Bibbia ../up.jpg

Qual'é il suo Paese di origine? difficile precisarlo. Sappiamo almeno con certezza che fu Mosè, gran condottiero di uomini, genio ricco di tutta la sapienza dell'Egitto, a firmare l'atto di nascita della Bibbia, nel deserto del Sinai. Il Pentateuco è, in sostanza, l'opera del legislatore di Israele. A Mosè spetta gran parte della sua elaborazione; e lui stesso esercitò un profondo influsso sulla redazione definitiva.

Il libro vide la luce nelle steppe della penisola Asiatica, probabilmente nel 13° secolo a. C, a seconda dell'epoca oggi assegnata al periodo mosaico. In seguito esso si sviluppa come un vivente, ma senza che ci sia possibile fissare sempre le date precise delle diverse fasi della sua evoluzione.

Soprattutto cresce in Palestina, terra predestinata a tanta gloria, la Terra Santa. Nel suo sviluppo il Libro dipende talmente dalla storia ebraica, che ne riflette tutte le vicende, come il bambino che registra nella sua subcoscienza tutte le vicende della vita familiare, Quando il popolo eletto subì l'invasione straniera e la deportazione la Bibbia emigrò con gli esiliati in Mesopotamia, sulle rive del tigri e dell'Eufrate.

Ma l'esilio non arresta il suo progresso: si arricchisce in quel tempo della profezia di Ezechiele. Al ritorno dalla grande prova la Bibbia continua a crescere.. Durante il secondo secolo prima della nostra era, ad Alessandria, capitale intellettuale del mondo civile, vede la luce una delle opere più perfette del Vecchio Testamento, preludio del Nuovo il libro della Sapienza.

Infine, con i quattro Vangeli, gli Atti degli Apostoli, le ventun lettere apostoliche e l'Apocalisse di Giovanni, la Bibbia raggiunge la Sua statura completa. Non crescerà più, non invecchierà mai e non conoscerà tramonto. Eccoti abbozzata a grandi linee la prodigiosa biografia della Bibbia. Da questa ra-pida evocazione storica ricaviamo ora qualche conseguenza.

Un libro vivo e vario ../up.jpg

Un libro così carico d'anni non ha potuto attraversare i secoli senza subirne il contraccolpo. Quante volte fu ricopiato e tradotto! E tuttavia, nonostante i numerosi incidenti, lacune, corruzioni, inversioni, la Bibbia conserva le linee essenziali del suo volto e rimane uguale a se stessa. Le rughe non alterano la sua fisionomia!

I testi nostri d'oggi riproducono, almeno sostanzialmente, i documenti originali. Per stabilire questa identità sostanziale i dotti raccolgono e confrontano le testimonianze nel corso dei secoli dai manoscritti, dalle versioni e dalle citazioni bibliche. Altra conseguenza. Poiché la Bibbia si e sviuppata in ambienti tanto diversi: nel deserto del Sinai, in Palestina, sulle rive del Tigri e dell'Eufrate, in Persia, all'ombra delle Piramidi, non c'è da stupirsi che essa abbia subito il molteplice e sottile influsso di quelle regioni tanto diverse, di fatto il suolo ha modellato la Bibbia come forgia gli uomini.

In essa si riflettono i paesaggi più svariati; essa fa proprie immagini, paragoni che prende da quegli ambienti diversi. Ci accadrà di identificare, nel corso della nostra lettura, Parole, immagini, concetti scientifici e un folclore che appartengono alle colture profane, assiro-babilonesi o ellenistiche. La Bibbia fa pensare a quelle nonne venerande, che hanno accumulato in un memoriale senza intenzioni i ricordi della loro lunga esistenza.

Infine il Libro mostra scolpite nella sua sostanza le tracce di una ricca eredità. I suoi ascendenti sono scaglionati lungo circa quindici secoli. Numerosi autori, conosciuti e sconosciuti, hanno lavorato alla sua elabo-razione e ciascuno ha impresso la sua im-pronta personale. Di qui la meravigliosa fisionomia della Bibbia, in cui si fondano armoniosamente i lineamenti degli avi.

La Bibbia porta l'aureola della maestà regale; conta fra i suoi antenati almeno due monarchi: Davide, il gentile cantore di Israele, autore di una parte dei Salmi; Salomone, il Luigi XIV degli Ebrei, la cui sapienza oltrepassava quella di tutto l'Oriente e dell'Egitto. Si coglie nell'accento della Bibbia ora la nobiltà dell'aristocrazia: Isaia il più geniale dei profeti, apparteneva alla classe dirigente; ora il realismo, la ruvidezza e la forza delle classi popolari: Amos, per esempio pasceva i buoi e coltivava i sicomori; ora la delicatezza, la sensibilità religiosa delle anime sacerdotali: Geremia discende da una famiglia di sacerdoti e il suo cuore ardente prorompe in accenti di una sonorità unica, umana e religiosa insieme.

Di conseguenza che varietà! Ma anche quanti contrasti! Quegli autori infatti non si copiano, benché sfruttino spesso un fondo comune. Leggiamo, per esempio, nei primi capitoli della Genesi due narrazioni della creazione dell'uomo. E chi non sa che il primo non potrebbe nemmeno sospettare del secondi tanto questo differisce da quello! Lo stile è l'uomo. Perciò nella Bibbia quanti uomini - e sono numerosi- altrettanti stili!

Qui un linguaggio corretto, la scorrettezze di vocabolario e di Sintassi, perfino delle rudezze! Ogni autore usa la lingua che corrisponde alla sua origine, al suo temperamento, alla sua epoca. Immagina un uomo che parlasse nello stesso tempo il dialetto e con l'accento ti tutte le regioni d'Italia!

Se si tratta ti sentimento, la Bibbia prova tutta la gamma di emozioni che sgor-gano dal cuore umano. E per aprirsi utilizza con rara fortuna una grande varietà di generi letterari. S'innalza fino alla più sublime eloquenza: i discorsi di Isaia per esempio, superano in splendore i voli di Atene e di Roma. Vibra, canta e prega nei Salmi, veri poemi religiosi, che spesso recitiamo senza percepirne l'originale poesia.

Nessuna forma poetica le è estranea, neppure i primi elementi di arte drammatica; Il libro di Giobbe e il Cantico dei Cantici sono a quanto pare, abbozzi di dramma. Essa dimostra una notevole predilezione per la storia, non certo per la storia alla maniera di oggi, Secondo le norme della storiografia, ma una storia sui generis, le cui , le cui regole oggi conosciute meglio, in parte ci sfuggono ancora. Infatti nella Bibbia si incontrano certe maniere di esporre e di narrare, certi idiotismi, propri specialmente delle lingue semitiche, certi modi iperbolici approssimativi, talora anzi paradossali, servono a meglio stampare nella mente ciò che si vuol dire.

Queste forme letterarie non corrispondono a nessuna delle nostre categorie classiche e non possono quindi essere giudicate alla luce dei generi greco-latini o moderni. Storia unica nel suo genere, perché essa dispiega sotto i nostri occhi l'epopea dell'umanità, dalle origini del mondo e dell'uomo sino alla fine dei tempi. Dalla Genesi all'Apocalisse la Bibbia ci presenta gli archivi del genere umano.

Il Dio unico ../up.jpg

Dalla prima all'ultima pagina, questo libro così complesso, nato e cresciuto in ambienti tanto diversi, opera di tanti autori, proclama la sua fede in un solo Dio, creatore dell'universo, giudice di tutti gli uomini difensore e vindice della morale.

Che cosa vi leggi all'inizio? Le semplici parole: "In principio Dio creò il cielo e la terra". Questa dichiarazione iniziale, che a noi sembra tanto naturale e ovvia, di fatto pone la Bibbia al di sopra di tutte le letterature dell'antichità. Ancor oggi, dopo tante ricerche storiche, non conosciamo nessun popolo dell'Oriente che abbia formulato una professione di fede così categorica. I popoli vicini agli Ebrei avevano tutti un Pantheon, dove prolificavano dei e dee, sebbene qualche volta sentivano il bisogno di ordinare gerarchicamente i loro dei mettendo a capo un Dio monarca con la sua compagna.

Solo gli Ebrei sono gelosamente attaccati a un Dio unico, pur dandogli qualifiche diversi e molteplici nomi. Il primo libro della Genesi chiama semplicemente il Creatore Elohim, cioè Dio, mentre nei dei capitoli successivi il Signore unisce insieme due nomi: Jahve-Elohim. Nel seguito i Patriarchi invocheranno il Dio eterno, il Dio della visione, il Dio che agisce, il Dio di Betel, il Terrore di Isacco o la Roccia di Israele; ma non c'è in questo traccia di politeismo più di quanto ce ne sia nell'abitudine dei cattolici di chiamare la Vergine Maria con i nomi dei suoi santuari, delle sue apparizioni o dei suoi privilegi; nessuno ha mai creduto che Nostra Signora di Chartres, la Vergine della Salette e la Regina Coeli siano tre esseri diversi.

In tutte le tappe della sua storia, il popolo della Bibbia, ha conservato intatta la fede in Colui che E'. Questo fatto storico, umanamente inspiegabile, è sufficiente a classificare a parte il Libro di questo popolo. La storia biblica, che occupa quasi due millenni, storia redatta a frammenti in apparenza senza legame, è in realtà, una storia ben orientata. Una ispirazione segreta l'anima dall'interno, lega fra loro gli avvenimenti organizzandoli.

Nel terzo capitolo della Genesi appare in penombra un personaggio umano e sovrumano, nello stesso tempo figlio della Donna e antagonista del demonio. Membro della stirpe umana, impegnerà una lotta vittoriosa contro il nemico mortale della nostra razza e diverrà l'artefice della nostra liberazione spirituale.

A poco a poco la sua fisionomia emerge dall'ombra e si precisa in ogni suo lineamento: il Liberatore nascerà dalla famiglia dei Semiti; radioso come una stella, s'innalzerà nella discendenza di Giacobbe; figlio di una vergine, monarca universale, inaugurerà a prezzo della usa vita un regno di salvezza, il cui splendore illuminerà le nazioni.

Gli scrittori della Bibbia, per descrivere il monarca e il suo regno, esauriscono il loro vocabolario poetico; il Messia riempie della sua invisibile presenza l'Antico Testamento. "Dovunque nella Scrittura, si trova disseminato il Figlio di Dio" Affermava S. Ireneo. San Agostino scrisse, a proposito del Pentateuco, "Mosè parla del Cristo in tutto ciò che ha scritto". Tutto nel libro della Bibbia si orienta attorno al Messia.

Disse Pascal: "A Gesù Cristo guardano i due Testamenti: l'Antico come sua attesa, il Nuovo come suo modello, tutte e due come a loro centro".

Perchè la Bibbia è Santa e Sacra? ../up.jpg

La Bibbia racconta una storia santa: quella del popolo di Dio. Presenta una dottrina santa: la fede nel Dio unico. Narra biografie di personaggi, modelli di fede, di pietà e sacrificio. Ci propone formule-tipo di preghiere. Tratta dunque una materia santa e sacra. Ma altri libri, come L'imitazione di Cristo o il Catechismo contengono una dottrina divina ma non sono considerati santi e sacri come la Bibbia. Sarà forse perché la Bibbia santifica i lettori che la meditano con fede?. Santa Teresa di Lisieux confidava a proposito del Nuovo Testamento: "soprattutto il Vangelo mi intrattiene durante le mie orazioni; vi attingo tutto quello che è necessario alla mia povera piccola anima, vi scopro sempre nuove luci, sensi nascosti e misteriosi".

Il vero motivo è che ha una origine divina. Anche la chiesa nel Concilio Vaticano definisce Che: "i libri dell'Antico e Nuovo Testamento sono considerati come sacri "perché scritti sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, hanno Dio per autore". Gli autori della Bibbia, sono vissuti in secoli diversi riflettendo ambienti e periodi diversi. Disponevano anche di risorse intellettuali diverse, e secondo il loro temperamento e il loro scopo, hanno scelto generi letterari molto vari.

Ma tutti lavoravano sotto uno speciale influsso dello Spirito Santo che si serviva di loro come strumenti. Dio li illuminava senza sconvolgere la struttura della loro intelligenza, ne guidava la volontà, senza toglierne la libertà, li assisteva rispettando la delicata psicologia umana. Lo spirito di Dio li muoveva dall'interno, come strumenti viventi, dotati di ragione.

Dio illuminava, guidava, assisteva gli scrittori sacri in tal modo che essi esprimevano pensieri umani e insieme divini, il messaggio che essi scrivevano era un messaggio umano, ma allo stesso tempo il messaggio di Dio stesso, la Parola di Dio. Per quanto diversi siano, svolgono gli stessi argomenti e utilizzano le stesse parole.

"Iddio stesso, per virtù soprannaturale, ha eccitato e mosso gli autori sacri a scrivere, li ha assistiti mentre scrivevano in modo tale che concepissero esattamente, che volessero riportare fedelmente e esprimessero con verità infallibile tutto quello che Egli comandava e solo quello che Egli comandava di scrivere.

E' così impossibile che un errore possa accompagnarsi con la ispirazione divina, che non solo questa per se stessa esclude ogni errore, ma ancora lo esclude e vi ripugna così necessariamente, quanto necessariamente Iddio, verità sovrana, non può essere l'Autore di alcun errore".   (Enciclica Providentissimus. Papa Leone XIII)

La Bibbia parola di Dio, si impone ad ogni intelligenza. E' un tesoro colmo di ricchezze inesauribili. Ogni epoca mette in rilievo l'uno o l'altro aspetto del racconto sacro; ogni popolo, secondo il proprio genio guarda la Bibbia sotto l'aspetto che maggiormente gli piace. Il Cinese e il Giapponese scoprono quello che era sfuggito agli occhi dell'Occidentale, un secolo scorge quello che un altro secolo aveva ignorato o semplicemente intravisto.

Come leggere la Bibbia ../up.jpg

La Bibbia è un libro dove costantemente la luce, e quale luce è mescolata alle tenebre, un libro che ha bisogno di essere letto a una luce più che umana e del quale bisogna conoscere la natura e il fine, perché la lettura possa essere fatta con frutto.
Nella Bibbia Dio è paragonato spesso a un vasaio che modella l'argilla. Come l'argilla nelle mani del vasaio così l'uomo nelle mani di Dio. (Geremia 18,6; Ecclesiastico 33, 13; Isaia 29,16; Genesi 2,7; Giobbe 10,9).

E' interessante notare come Dio a poco poco forma l'uomo e lo conduce a una perfezione più alta. Quando un vasaio prende una certa quantità di creta, non arriva d'un sol colpo a dare l'ultima mano alla sua opera. Tutto nella natura, creazione di Dio, proviene da un germe e da un abbosso. La Bibbia ci dà modo di vedere come Dio proceda passo passo per formare l'uomo e per condurlo a una più alta perfezione.

Un vecchio filosofo greco diceva: "l'uomo è chiamato da Dio piccolo ragazzo, proprio come un ragazzo è chiamato ragazzo da un uomo". Non è in un sol colpo che si trasmette a un bambino tutto il sapere di un uomo, e così è dell'uomo da parte di Dio.

Il modo migliore di leggere la Bibbia è di leggerla umilmente, assiduamente, con pazienza. Gioisci della luce che ti è data, e per i passaggi, che ti sembrano oscuri o fastidiosi, aspetta umilmente che una nuova luce ti riveli il loro interesse e ti chiarisca il loro senso.

Nella Bibbia vi sono cose che nessun uomo potrà mai capire. Se saprai rallegrarti umilmente dei passaggi, che ti rivelano la ricchezza dei disegni e dei pensieri di Dio, ben presto sarai inondato di luce. Si può leggere dalla prima all'ultima pagina per scoprire da dove siamo partiti e dove arriveremo. Oppure si può leggere partendo dai Vangeli per arrivare ai vari profeti.
Non mancano infatti riferimenti che dai vangeli ci rimandano indietro (sovente a Isaia), come testimonianza che ciò che era stato predetto è accaduto. Oppure la si può leggere partendo da un punto qualsiasi. L'importante è leggerla con fede e con intelligenza magari con una matita per sottolineare i passi che ci hanno colpito di più, o mettere una nota a margine per ricordarci un versetto speciale che ci ha illuminato.

Modi diversi di leggere la Bibbia ../up.jpg

1. Lettura corrente.
Perchè non leggere la Bibbia come si leggerebbe un qualunque altro libro? Si farà come il viaggiatore, che per conoscere un nuovo paese, prima di farvi affari o inchieste, prima di consultare guide o statistiche, comincia a girare guardando il paesaggio. Questa lettura rivelerà molte cose; provocherà anche molte questioni, alle quali si risponderà piu tardi.

Non esclude la curiosità, nè il senso religioso, nè lo sforzo per comprendere, esclude invece la pretesa di comprendere tutto e trova il suo prolungamento necessario negli altri modi di leggere.

2. Lettura critica.
Lo sforzo per comprendere, in fondo al quale vi è ( il senso letterale ). Sforzo di ragione dunque, ma orien tato e controllato dalla fede. Bisognera comprendere il testo (o disporre di una buona traduzione); avere il (senso del contesto), e qui la prima familiarità acquisita con la lettura corrente è di grande aiuto; ma essa non basta, e molte difficoltà storiche, letterarie, ecc. imporranno al cristiano di media cultura il ricorso a delle buone guide.

3. Lettura liturgica.
Per molti fedeli questa sarà la prima. Leggendo la Bibbia quando si prega con la Chiesa, si otterra un triplice beneficio: quello di rivivere, lungo l'anno liturgico, la Storia Sacra come nostra storia; quello di penetrare, appunto con la preghiera, nel senso teologico esatto della Rivelazione, quello di assimilarsi, con l'uso liberamente "spirituale" che la liturgia fa dei testi, un certo senso della allusione, delle corrispondenze, delle risonanze.

4. Lettura Teologica.
L'opera della fede che cerca formalmente nella Bibbia la Parola di Dio per comprendere meglio quello che essa ci rivela. Essa e già cominciata con la prima e seconda lettura e soprattutto con la terza; ma ora continua per conto suo e ci porta a riprendere la nostra lettura per cercare, per esempio, attraverso il Vecchio e il Nuovo Testamento quello che ci insegnano circa Dio, la Trinita, la grazia...

5. Lettura spirituale.
Ormai siamo gia arrivati e specialmente con la lettura liturgica e teologica; la nostra meditazione personale non potrebbe tralasciare senza danno una lettura liturgica e una lettura teologica della Bibbia. Ma viene un momento, in cui la voce della ragione credente e la voce stessa della Chiesa tacciono per lasciarmi ascoltare cio che la Bibbia dice proprio a me.

Dopo avere stutiato a un tavolo di lavoro, dopo aver salmodiato in chiesa,- e pur necessario che si giunga a leggere la Bibbia in ginocchio, nel silenzio, come l'hanno letta Teresa di Lisieu o Padre de Foucauld: allora essa diventa il nutrimento insostituibile della vita teologale.

6. Lettura poetica.
Qui si tratta del gratuito, di quel di piu che accompagna i doni di Dio. la Bibbia che riapre in noi la sorgente del sogno e del canto e ci spinge ad ogni sorta di invenzioni e di espressioni liriche, drammatiche, o di pittura o di scultura o di danza. La Sapienza gioca volentieri con i figli degli uomini, e non c'e altro che partecipare con gioia a questo gioco quando ce ne è donata la grazia. Qui non ci sono altre regole, se non il rispetto nella familiarità e il gusto, che è la delicatezza dell'amore. La Bibbia diventa allora, come dice Claudel, dopo "il libro dell'adorazione", "il libro dell'ammirazione".

Non vi è dunque una sola maniera di leggere la Bibbia, ma ce ne sono diverse. Nessuna di esse s'impone a ciascuno al medesimo titolo; esse rispondono in modo diverso alla capacita, alla vocazione e alla missione dei singoli. Ma nessuna di esse può fare a meno delle altre e nessuna puo essere l'appannaggio esclusivo di uno solo. Ciascuno dunque usi dei suoi doni, ma nella Chiesa e per i suoi fratelli, perchè Iddio non e un Dio di disordine, ma di pace.

Tratto da Supplemento a "Rivista biblica e "Parole di vita" (1960). Associazione Biblica Italiana - Figlie della Chiesa. Viale Vaticano 62, Roma.


Sommario "Religione Cristiana"
Home page

"www.viveremeglio.org"
Un sito dedicato all'uomo, il suo benessere e il suo destino.